Prima di postare….pensa!

“Prima di regalare uno smartphone, regala la conoscenza, quella conoscenza che permette di usare internet e non di farsi usare……”: così si apre il libro “Pensa per postare” di Domenico Geracitano e Simona Pilato, dal quale è tratto il titolo dell’incontro con l’Autore che si terrà presso il teatro dell’Osservanza il prossimo 7 febbraio in occasione della giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo denominata “Il Nodo Blu – le scuole unite contro il bullismo”, lanciata lo scorso anno dal Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca (MIUR). Per l’occasione tutte le scuole di ogni ordine e grado sono invitate ad organizzare eventi e/o attività di formazione e informazione destinate agli alunni e alle famiglie sulle tematiche per la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo a scuola. Il MIUR ha scelto di collocare la giornata contro il bullismo in concomitanza con il Safer Internet Day (SID), un evento annuale, organizzato a livello internazionale con il supporto della Commissione Europea nel mese di febbraio, al fine di promuovere un uso più sicuro e responsabile del web e delle nuove tecnologie, in particolare tra i bambini e i giovani di tutto il mondo.
Il libro di Geracitano narra la storia di un bambino, Evaristo, che nasce nel 2016. La sua identità virtuale precede quella reale, dato che i suoi genitori cominciano a postare le sue foto sui social già quando il bimbo è in pancia. Questo bambino cresce attraverso emozioni sempre filtrate da uno schermo fino a quando, ormai maggiorenne, tenta di iscriversi all’Università ma nessun Ateneo vuole accettarlo perché la sua Web reputation è negativa a causa di foto e video compromettenti postate negli anni.
L’incontro con l’autore coinvolgerà circa 350 alunni e docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Circondario Imolese, a conclusione del progetto “Non stiamo zitti!” finanziato dal MIUR nell’ambito del Piano nazionale per la prevenzione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo (DD n.1055 del 18/10/2016) che ha visto la partecipazione di 38 istituti scolastici del Circondario imolese e della provincia di Parma in rete, con capofila l’IC7 di Imola e il partenariato del Centro Interdipartimentale di Ricerca in Informatica Giuridica dell’Università di Bologna e di Telefono Azzurro. L’iniziativa sarà replicata a Parma l’8 febbraio.
Il percorso di “Non stiamo zitti!” si è sviluppato in una serie di azioni formative e di attività laboratoriali rivolte ai docenti e agli studenti finalizzate a sviluppare un processo virtuoso di diffusione di percorsi di prevenzione al bullismo all’interno delle proprie scuole e nel territorio, innestandosi nel più ampio progetto “Insieme nella rete” (www.insiemenellarete.it) realizzato dalla rete delle Scuole imolesi di ogni ordine e grado  con lo scopo di promuovere negli studenti la capacità di affrontare responsabilmente e con spirito critico i “rischi” ma anche le opportunità e le potenzialità offerte dalla tecnologia, contribuendo alla creazione di una cittadinanza digitale diffusa.
I responsabili del progetto
Michele Martoni
Enrico Michelini
Manuela Mingazzini
Loretta Salaroli